Privati Business

Frodi informatiche via email

Ti informiamo che sono in aumento i casi di mail fraudolente che sembrano inviate da Istituti di credito, Aziende, Enti, gestori e fornitori di servizi noti al pubblico e si sta diffondendo un pericoloso virus informatico anche a causa di queste mail.

Le mail fraudolente, come quella riportata nell’esempio inviata a nome del Servizio Clienti TIM, contengono messaggi con indicazioni ingannevoli riguardanti presunte spedizioni a tuo favore oppure un link o un allegato.

Per imparare a riconoscere le mail sospette e ad evitarle, ti invitiamo a seguire le indicazioni presenti nella  .

Attenzione ti invitiamo a non aprire mai allegati sospetti inviati da fonti sconosciute e a non inviare mai dati personali , rispondendo ad email che sembrano inviate da TIM. Infatti nelle comunicazioni che TIM invia ai propri clienti non vengono mai richiesti dati personali nè viene allegata la fattura o altri documenti.

Spesso il file allegato, in genere di formato .zip o .pdf, è un virus tra questi alcuni di quelli più pericolosi, denominati Criptolocker o la sua versione più recente CryptoWall , sono segnalati per la crescente diffusione sul sito della Polizia Postale. Questi virus, una volta scaricati e attivati, criptano tutti i dati del computer.
Per riaprire i file e rientrare in possesso dei propri documenti, l’utente viene ricattato: un messaggio a video (come quello in figura) invita al pagamento di una somma di alcune centinaia di euro in bitcoin a fronte del quale verrà inviata una e-mail con il programma per la decriptazione e il recupero dei dati.

Si tratta di un ricatto telematico ovvero di una frode informatica che va denunciata alla Polizia Postale .

Consigli per difendersi dal virus:
• tenere sempre aggiornato il software del proprio computer
• adottare di un buon antivirus.
• fare sempre un backup dei propri file su un dispositivo esterno
• fare attenzione alle mail inattese e sospette in arrivo evitando di cliccare sui link o di aprire gli allegati.

Cosa è importante fare se si è aperto un link o un allegato di una email sospetta:
• staccare immediatamente il pc dalla rete in modo tale da non permettere al virus di scrivere su disco e criptare anche i  file di sistema
• spegnere subito il pc
• non cedere al ricatto e rivolgersi alla Polizia Postale.

Vai al sito desktop
COPYRIGHT 2015 TELECOM ITALIA S.P.A. - PARTITA IVA: 00488410010